Rimarrà aperta fino al 10 luglio 2021 la mostra "NEL NOME DI DIO OMNIPOTENTE - Pratiche di scrittura talismanica dal Nord della Nigeria" inaugurata a Napoli venerdì 7 maggio presso la Cappella Palatina del Maschio Angioino.  Avrebbe dovuto essere aperta prima di Natale (lunedì 7 dicembre 2020), ma è stata rimandata a causa delle limitazioni imposte dalla pandemia.          

        L'esposizione, curata da Andrea Brigaglia e Gigi Pezzoli, è ideata e prodotta da Andrea Aragosa per Black Tarantella in collaborazione con il centro Studi Archeologia Africana di Milano, con il sostegno della Regione Campania, del Comune di Napoli Assessorato all'Istruzione Cultura e Turismo, della Scabec -Società campana beni culturali-, e con il patrocinio dell'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale" e del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale. Gratuito l'ingresso alla visita, dal lunedì al sabato, dalle ore 10 alle 17, nel rispetto delle norme antiCovid vigenti. 

Come scrive Gigi Pezzoli, presidente del Centro Studi Archeologia Africana - CSAA, di cui è socio onorario Attilio Gaudio” -  (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), "il progetto riprende e sviluppa ricerche originali del Centro Studi Archeologia Africana, già oggetto nel 2013 della mostra “Alluna. Mondo e spiritualità Hausa” e tratta due componenti fondamentali: la prima di natura artistica, l’altra storico-antropologica. (...) Dunque uno spaccato della cultura materiale e simbolica dello scrivere, documentato in oltre 80 opere per lo più inedite. Partendo dalle tavole utilizzate nei diversi gradi di apprendimento del Corano, si passa a quelle decorate, sorta di diplomi di fine ciclo delle scuole islamiche, per poi prendere due percorsi differenti ma complementari: l’uno, più propriamente devozionale, sfocia nei Corani manoscritti, icone rappresentative della cultura calligrafica avanzata; l’altro, magico-talismanico, porta alle tavole terapeutiche, alle pelli taumaturgiche, fino alle tavole magiche destinate alla protezione della persona e della casa. In particolare, gli oggetti di questa seconda tipologia sono prodotti da coloro che si specializzano nelle scienze esoteriche”.

La mostra presenta un complesso di materiali inediti costituito da oltre 80 opere tra cui: manoscritti coranici e poetici, tavole utilizzate per lo studio e la memorizzazione del Corano; tavole con scrittura coranica ed elementi decorativi, sorta di diplomi di completamento degli studi religiosi; tavole in legno, metallo e pelle con scrittura e formule apotropaiche; tavole con scritture sacre, elementi decorativi e iconografia degli animali della savana per la protezione della casa e della persona; esemplari di ricettari popolari sulle scienze esoteriche, talismani, oggetti per divinazione, ecc. Un mondo di tradizione prevalentemente sufi, apparentemente lontano ma che rimanda ad antiche pratiche protettive, divinatorie e taumaturgiche del Medio Oriente, del mondo greco-romano, della Cabala ebraica, fino all’alchimia medievale.

 Un ampio catalogo dal titolo "Arti talismaniche. Pratiche di scrittura sacra e protettiva dal Nord della Nigeria" contiene un ricco apparato iconografico oltre ai contributi dei maggiori esperti internazionali sull'argomento. "Lo abbiamo dedicato - conclude Gigi Pezzoli - a Luca Attanasio, l'ambasciatore italiano caduto in Congo, un indimenticabile amico con il quale abbiamo condiviso il progetto e che con il suo entusiasmo ci ha incoraggiato ad andare avanti anche nei momenti più difficili".