Il Centro Studi Archeologia Africana (CSAA) - Museo di Storia Naturale di Milano (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) - inaugurerà questa settimana a Napoli la mostra "Sacri spiriti. I Songye nella Cappella Palatina".

La presentazione sarà venerdì 28 ottobre 2022 alle ore 11:00 nell' Auditorium del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Piazza Museo 19. Seguirà l'inaugurazione il sabato 29 ottobre alle 17:30 nella cappella Palatina del Maschio Angioino sempre a Napoli.

L'esposizione potrà essere visitata gratuitamente da lunedì a sabato, dalle ore 10 alle 17. E' stata curata da Gigi Pezzoli (CSAA) e Bernard de Grunne, prodotta da Andrea Aragosa per conto di Black Tarantella, e patrocinata da diversi enti oltre che dall'Ambasciata della Repubblica Democratica del Congo.  

I Songye sono un gruppo etnico africano insediato in un'ampia zona centro-sud-orientale dell'attuale Repubblica Democratica del Congo. I loro oggetti rituali rappresentano l'immaginario della religione e della creatività africana. Prodotti da artigiani, scultori, fabbri, con l'aggiunta di elementi animali e naturali, secondo regole antiche, sono diventati "figure di potere", "effigi di culto" essendo "attivati" da canti e preghiere tradizionali. Così la loro funzione non si limita alla religiosità, alla coesione sociale, alla giustificazione delle istituzioni e del potere. Infatti sono anche strumenti per migliorare la propria vita terrena, proteggersi dal malocchio  e dalle forze negative, guarire dalle malattie e dalla sterilità, favorire il raccolto e la prosperità collettiva, allontanare la  miseria.

E' interessante notare che queste figure magico-protettive africane, legate anche alla contemplazione mistica, sono esposte in un antico luogo cristiano (che ospita tra l'altro affreschi di Giotto), il che puo' portare i visitatori ad interessanti riflessioni sulla religiosità dei popoli.

 

L'associazione Trasafrica*ha ripreso, come ogni anno, le sue conferenze sull'Africa "che fa parlare di sè". E' ormai il  XI ciclo di incontri sulla realtà sociale e culturale ei qyesto continente sempre piuùcomplesso,  in collaborazione con la Biblioteca delle Oblate (Via dell'Oriuolo 24, Firenze)

  • *Via Fiume, 11 - I-50123 FIRENZE
Tel: +39-055-430420 +39-348-3973603
Fax: +39-055-430420
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Venerdì 24 gennaio, ore 18.00 - ATLANTE DELLE GUERRE: Cause e conseguenze dei conflitti africani.
  • Nell’edizione numero nove dell’’Atlante delle guerre e dei conflitti – Terra Nuova edizioni 2019 - realizzata come ogni anno da un gruppo di giornalisti, fotografi e attivisti dell’informazione, si trovano le schede conflitto aggiornate delle 30 tra guerre e conflitti in corso, focus sulle 18 situazioni di crisi, oltre alle schede collegate ad alcune macroaree interessate da tensioni e difficoltà. Presenta il volume Alice Pistolesi, giornalista.

 Venerdì 21 febbraio, ore 18.00 - SE IL MARE FINISCE: Racconti multimediali migranti Antologia deiracconti finalisti del concorso DiMMi, Diari Multimediali Migranti 2018- Terre di Mezzo Editore.

  • Senza testimoni la verità si può manipolare e, infine, si perde. Un coro di undici storie compone una memoria collettiva in cui riconoscerci tutti umani, al di là delle frontiere. Sono le voci di uomini e donne che riscattano dall’oblio le loro vicende di migrazione e ce ne fanno dono. A cura dell’Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano.

 Venerdì 27 marzo, ore 18.00 - BICI IN DIREZIONE SUD - Dal Monferrato a Città del Capo

  • “Di cosa necessita una persona che arriva in un luogo a lui sconosciuto, da una situazione difficile, magari con un lungo viaggio alle spalle? Probabilmente ha fame, deve riposare, o ha freddo. Ma soprattutto ha bisogno di qualcuno che gli scaldi il cuore, magari che gli rivolga la parola e gli regali un sorriso”. Filippo Graglia - ingegnere aerospaziale di Castelnuovo don Bosco (AT)- dopo 613 giorni di viaggio, 25.000 chilometri percorsi e 21 stati attraversati, ci racconta il suo viaggio in solitaria attraverso l’Africa, evitando le vie principali di comunicazione e cercando percorsi sterrati in zone rurali, alla ricerca di momenti di vita autentica per penetrare nel cuore dell’Africa con un viaggio “all’antica”, scoprendo così il valore e la necessarietà dell’accoglienza.

 Venerdì 17 aprile, ore 18.00 - IL CASCO DI SUGHERO - Gli italiani alla conquista dell’Africa di Alfredo Venturi. Interviene Nicola Labanca, storico (Università di Siena)

  • […] L’ultima a occupare il suo posto a tavola è una nazione antica che da poco si è concretizzata in uno stato unitario, scaturito da un brillante connubio d’insurrezione popolare e sapienza diplomatica. Il suo assetto è ancora da consolidare ed è assillata da pressanti problemi interni, ma intanto vuole rifarsi dopo il lungo digiuno e reclama la sua parte di mondo.
  • Alfredo Venturi è nato a Bologna oggi vive in Toscana. Come giornalista (il Resto del Carlino, La Stampa, Corriere della Sera) ha lavorato in Italia e all’estero. Ha trascorso in Germania il decennio che comprende lariunificazione. Autore di numerosi saggi di ricerca e divulgazione storica.
  • Nicola Labanca Professore ordinario di storia Contemporanea presso l’Università di Siena. Tra le sue più note pubblicazioni Oltremare.Storia dell’espansione coloniale italiana, La guerra italo-austriaca (1915-1918) e La guerra italiana per la Libia. 1911-1931.


Il Museo d'Arte e Scienza (M.A.S., via Quintino Sella 4, Milano - www.museoartescienza.com) ospita una originale mostra di poggiatesta dell' Africa orientale e meridionale (Tribal pillows from eastern and southern Africa).

Come pubblicato nel manifesto (inviatomi dal Tucano, Viaggi Ricerca di Willy Fassio), i torinesi Bruno Albertino e Anna Alberghina, in collaborazione con Paolo Novaresio, tornano quest'anno al M.A.S. dopo la mostra "Mama Africa" del 2017. La nuova mostra espone, oltre a interessanti fotografie,  "una collezione di poggiatesta, raccolti in anni di ricerche e viaggi nel continente africano. Si tratta di sculture prevalentemente in legno, che vengono utilizzate per proteggere le acconciature durante il sonno e sono portate con sè dal proprietario durante gli spostamenti. Strettamente personali, i poggiatesta superano il ruolo di "oggetti d'uso" per trasformarsi in piccole "opere d'arte" e racchiudono vari aspetti: funzionale, artistico, sociale e simbolico. La mostra evidenzia le caratteristiche estetiche e formali, il significato, le modalità d'uso e il contesto etnografico in cui i poggiatesta tradizionali erano e sono ancora utilizzati presso talune popolazioni".

Il poggiatesta era largamente usato nell'antico Egitto fin dalla III dinastia (ma probabilmente anche prima) fino all'età tarda come auspicio di un buon sonno, "supporto dei sogni". I primi poggiatesta furono trovati nelle tombe egizie del 2300 a.C., come amuleto e conforto nell'ultimo viaggio. Da utile accessorio nella vita quotidiana, assume significato simbolico come corredo funerario, dove la forma incurvata ricorda l'orizzonte e la vita eterna per il defunto, futuro astro del cielo. Famoso il poggiatesta di vetro blu scuro e oro della tomba di Tutankhamon, conservato al Museo Egizio del Cairo proveniente dalla collezione di re Farouk.

Esistono vari modelli: semplici blocchi di pietra o legno incurvati nella parte superiore, da usare su un letto di paglia o su una stuoia in terra se di pietra; forme complesse di legno incastrate, incise con forme geometriche o associate a figure umane o animali. Scomodi? Gli antichi Egizi dormivano su un fianco, e la testa, soprattutto dei capi, non doveva appoggiare sulla nuda terra, per preservare dai pericoli e non rovinare pettinature elaborate. La tradizione è ampiamente passata alle tribù nomadi dell'Africa orientale, simbolo di rango, uso quotidiano e funzioni magico-religiose. Non si trovano (finora) poggiatesta in Africa occidentale.

 

La mostra espone una collezione di poggiatesta, raccolti in anni di ricerche e di viaggi nel continente africano. Si tratta di sculture prevalentemente in legno, che vengono utilizzate per proteggere le acconciature durante il sonno e sono portate con sé dal proprietario durante gli spostamenti. Strettamenhttps://customer8551.img.musvc2.net/static/8551/images/3/62307798-dc4c-4e8f-8a06-8b35efac79ee.jpgte personali, i poggiatesta superano il ruolo di “oggetti d’uso” per trasformarsi in piccole “opere d’arte” e racchiudono vari aspetti: funzionale, artistico, sociale e simbolico.

 

La mostra espone una collezione di poggiatesta, raccolti in anni di ricerche e di viaggi nel continente africano. Si tratta di sculture prevalentemente in legno, che vengono utilizzate per proteggere le acconciature durante il sonno e sono portate con sé dal proprietario durante gli spostamenti. Strettamente personali, i poggiatesta superano il ruolo di “oggetti d’uso” per trasformarsi in piccole “opere d’arte” e racchiudono vari aspetti: funzionale, artistico, sociale e simbolico.

 

La mostra espone una collezione di poggiatesta, raccolti in anni di ricerche e di viaggi nel continente africano. Si tratta di sculture prevalentemente in legno, che vengono utilizzate per proteggere le acconciature durante il sonno e sono portate con sé dal proprietario durante gli spostamenti. Strettamente personali, i poggiatesta superano il ruolo di “oggetti d’uso” per trasformarsi in piccole “opere d’arte” e racchiudono vari aspetti: funzionale, artistico, sociale e simbolico.

 

La mostra espone una collezione di poggiatesta, raccolti in anni di ricerche e di viaggi nel continente africano. Si tratta di sculture prevalentemente in legno, che vengono utilizzate per proteggere le acconciature durante il sonno e sono portate con sé dal proprietario durante gli spostamenti. Strettamente personali, i poggiatesta superano il ruolo di “oggetti d’uso” per trasformarsi in piccole “opere d’arte” e racchiudono vari aspetti: funzionale, artistico, sociale e simbolico.

 

La mostra espone una collezione di poggiatesta, raccolti in anni di ricerche e di viaggi nel continente africano. Si tratta di sculture prevalentemente in legno, che vengono utilizzate per proteggere le acconciature durante il sonno e sono portate con sé dal proprietario durante gli spostamenti. Strettamente personali, i poggiatesta superano il ruolo di “oggetti d’uso” per trasformarsi in piccole “opere d’arte” e racchiudono vari aspetti: funzionale, artistico, sociale e simbolico.

 

Dopo la bellissima mostra “Mama Africa” del 2017 tornano al Museo d’Arte e Scienza di Milano, con il loro ultimo lavoro, Bruno Albertino e Anna Alberghina in collaborazione con Paolo Novaresio, grandi viaggiatori e appassionati collezionisti di arte africana.

 

La mostra espone una collezione di poggiatesta, raccolti in anni di ricerche e di viaggi nel continente africano. Si tratta di sculture prevalentemente in legno, che vengono utilizzate per proteggere le acconciature durante il sonno e sono portate con sé dal proprietario durante gli spostamenti. Strettamente personali, i poggiatesta superano il ruolo di “oggetti d’uso” per trasformarsi in piccole “opere d’arte” e racchiudono vari aspetti: funzionale, artistico, sociale e simbolico.

 

La mostra evidenzia le caratteristiche estetiche e formali, il significato, le modalità d’uso e il contesto etnografico in cui i poggiatesta tradizionali erano e sono ancora utilizzati presso talune popolazioni dell’Africa orientale e meridionale.

Dopo la bellissima mostra “Mama Africa” del 2017 tornano al Museo d’Arte e Scienza di Milano, con il loro ultimo lavoro, Bruno Albertino e Anna Alberghina in collaborazione con Paolo Novaresio, grandi viaggiatori e appassionati collezionisti di arte africana.

 

La mostra espone una collezione di poggiatesta, raccolti in anni di ricerche e di viaggi nel continente africano. Si tratta di sculture prevalentemente in legno, che vengono utilizzate per proteggere le acconciature durante il sonno e sono portate con sé dal proprietario durante gli spostamenti. Strettamente personali, i poggiatesta superano il ruolo di “oggetti d’uso” per trasformarsi in piccole “opere d’arte” e racchiudono vari aspetti: funzionale, artistico, sociale e simbolico.

 

La mostra evidenzia le caratteristiche estetiche e formali, il significato, le modalità d’uso e il contesto etnografico in cui i poggiatesta tradizionali erano e sono ancora utilizzati presso talune popolazioni dell’Africa orientale e meridionale.

 

Continuano gli incontri organizzati da Transafrica a Firenze

(Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Web: http://www.associazionetransafrica.org

  (foto Attilio Gaudio-spedizionetransahariana)

Giovedì 4 aprile 2019 il professor Luca RANIERI (Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa) terrà una conferenza dal titolo: NORD AFRICA E AFRICA OCCIDENTALE, geopolitica e sicurezza, ore 18.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili
Biblioteca delle Oblate – Via dell’Oriuolo, 24 – Firenze - www.biblioteche.comune.fi.ir

In effetti “Lo spazio sahariano, fino a poco tempo fa considerato una zona di scarse interazioni geopolitiche, è oggi sempre più al centro dell’attenzione e delle preoccupazioni securitarie globali. Quali sono le relazioni fra sicurezza, sviluppo e migrazione, in un contesto caratterizzato da stati fragili, minaccia terrorista, competizione strategica e intensi flussi informali di armi, droga, oro e migranti?”

  (foto Transafrica)

Rimarrà aperta fino al 10 luglio 2021 la mostra "NEL NOME DI DIO OMNIPOTENTE - Pratiche di scrittura talismanica dal Nord della Nigeria" inaugurata a Napoli venerdì 7 maggio presso la Cappella Palatina del Maschio Angioino.  Avrebbe dovuto essere aperta prima di Natale (lunedì 7 dicembre 2020), ma è stata rimandata a causa delle limitazioni imposte dalla pandemia.          

        L'esposizione, curata da Andrea Brigaglia e Gigi Pezzoli, è ideata e prodotta da Andrea Aragosa per Black Tarantella in collaborazione con il centro Studi Archeologia Africana di Milano, con il sostegno della Regione Campania, del Comune di Napoli Assessorato all'Istruzione Cultura e Turismo, della Scabec -Società campana beni culturali-, e con il patrocinio dell'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale" e del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale. Gratuito l'ingresso alla visita, dal lunedì al sabato, dalle ore 10 alle 17, nel rispetto delle norme antiCovid vigenti. 

Come scrive Gigi Pezzoli, presidente del Centro Studi Archeologia Africana - CSAA, di cui è socio onorario Attilio Gaudio -  (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), "il progetto riprende e sviluppa ricerche originali del Centro Studi Archeologia Africana, già oggetto nel 2013 della mostra “Alluna. Mondo e spiritualità Hausa” e tratta due componenti fondamentali: la prima di natura artistica, l’altra storico-antropologica. (...) Dunque uno spaccato della cultura materiale e simbolica dello scrivere, documentato in oltre 80 opere per lo più inedite. Partendo dalle tavole utilizzate nei diversi gradi di apprendimento del Corano, si passa a quelle decorate, sorta di diplomi di fine ciclo delle scuole islamiche, per poi prendere due percorsi differenti ma complementari: l’uno, più propriamente devozionale, sfocia nei Corani manoscritti, icone rappresentative della cultura calligrafica avanzata; l’altro, magico-talismanico, porta alle tavole terapeutiche, alle pelli taumaturgiche, fino alle tavole magiche destinate alla protezione della persona e della casa. In particolare, gli oggetti di questa seconda tipologia sono prodotti da coloro che si specializzano nelle scienze esoteriche”.

La mostra presenta un complesso di materiali inediti costituito da oltre 80 opere tra cui: manoscritti coranici e poetici, tavole utilizzate per lo studio e la memorizzazione del Corano; tavole con scrittura coranica ed elementi decorativi, sorta di diplomi di completamento degli studi religiosi; tavole in legno, metallo e pelle con scrittura e formule apotropaiche; tavole con scritture sacre, elementi decorativi e iconografia degli animali della savana per la protezione della casa e della persona; esemplari di ricettari popolari sulle scienze esoteriche, talismani, oggetti per divinazione, ecc. Un mondo di tradizione prevalentemente sufi, apparentemente lontano ma che rimanda ad antiche pratiche protettive, divinatorie e taumaturgiche del Medio Oriente, del mondo greco-romano, della Cabala ebraica, fino all’alchimia medievale.

 Un ampio catalogo dal titolo "Arti talismaniche. Pratiche di scrittura sacra e protettiva dal Nord della Nigeria" contiene un ricco apparato iconografico oltre ai contributi dei maggiori esperti internazionali sull'argomento. "Lo abbiamo dedicato - conclude Gigi Pezzoli - a Luca Attanasio, l'ambasciatore italiano caduto in Congo, un indimenticabile amico con il quale abbiamo condiviso il progetto e che con il suo entusiasmo ci ha incoraggiato ad andare avanti anche nei momenti più difficili".

   Giovedì 28 febbraio 2019 (ore 20,30) si terrà - come al solito presso la biblioteca della Oblate - una conferenza organizzata da Transafrica.

Si tratta di un interessante incontro con la critica di cinematografica africana Daniela Ricci e della proiezione del suo documentario dal titolo IMMAGINARI IN ESILIO - CINQUE REGISTI D'AFRICA SI RACCONTANO. Sono Haile Gerima, Dani Kouyaté, Jean Odoutan, Newton Aduaka e John Akomfrah.

Il film illustra il loro percorso artistico e personale, da Parigi a Washington, da Ouagadougou a Ouidah, passando per Uppsala e Londra. Li segue nella loro vita quotidiana di esiliati, intrecciandola con spezzoni estratti dai loro film, esprimendo così le loro identità complesse: essere al tempo stesso qua e là.

Attraverso gli occhi di questi cinque cineasti, costantemente alla ricerca di un equilibrio tra culture diverse, le maschere cadono ed i miti si infrangono.

News

  • Migrazioni e incroci di Homo

    Browning et al./Cell - Il grafico mostra le migrazioni dei Denisoviani  in Asia e Oceania, e ipotizza genomi misti con Neandertaliani e sapiens moderno.

    Infatti, da quando è stato analizzato nel 2010 il genoma dell'Homo di Denisova (a partire da pochi fossili: una falange e due molari), sappiamo che alcune popolazioni dell'Oceania (Papua, Nuova Guinea, isole Cercanas) contengono nel loro DNA il 5% di quello di Denisova. Anche le popolazioni dell'est e del sud dell'Asia contengono lo 0,2% del DNA denisoviano, ma sembra che questo sia dovuto a migrazioni (e quindi incroci) delle popolazioni oceaniche verso il continente.

    Uno studio, pubblicato dalla rivista Cell, ha effettuato le sue ricerche in merito grazie ad un nuovo metodo di analisi, basato sui dati dei progetti "UK10K, 1000 Genomi e Differenze dal Genoma Simons" (specie di catalogo di genomi di 300 individui appartenenti a 142 diverse popolazioni). Quindi gli umani moderni (Homo sapiens sapiens, Neandertal e Denisova) sono esistiti nelle stesse epoche, incrociandosi e scambiandosi porzioni di DNA. Ma erano umani geneticamente diversi, pur avendo un antenato comune (che si pensa sia esistito per un milione di anni, e sia originario del continente africano). 

    Quanto a Spagnoli e Italiani, abitanti nell'estremità meridionale dell'Europa, si può affermare che nel loro DNA non esistono geni denisoviani, e che la percentuale di geni Neandertaliani è molto bassa (in base ai 5.639 individui esaminati). 

     

     

     

  • 2016 Nigrizia: Libia e la sfida dell' IS

    Come ogni martedì, Nigrizia organizza un incontro-dibattito-informazione su un argomento di attualità. Il 5 aprile 2016 (ore 20,30 – sala Africa dei Missionari Comboniani in Vicolo Pozzo 1, Verona) si parla di Libia, la sfida del Gruppo Stato Islamico. Sarà un dialogo tra il direttore di Nigrizia, p. Efrem Tresoldi, con il prof. Antonio M.Morone, ricercatore in Storia dell’Africa all’Università di Pavia. “La guerra non è il mezzo adeguato per sconfiggere il terrorismo del Gruppo Stato islamico (Is) né tantomeno per portare stabilità in Libia». È un passaggio del documento contro la guerra, lanciato il 9 marzo dalle riviste missionarie e dell’area nonviolenta.  

    “La Libia rappresenta il classico esempio - scrive Nigrizia- degli orrori occidentali, applicati nel sud del mondo. Con la complice collaborazione delle petromonarchie del Golfo e dell’Egitto." Orrori, quindi errori, smania di potere, di risorse, di territorio, di appalti. Si dimentica  “che la Libia, -continua Nigrizia- come l’abbiamo imparata a conoscere sugli traffici illegali di armi, persone e droga, all’accesso alle risorse minerarieatlanti, non esiste più.  Dopo 42 anni di tirannia gheddafiana, i poteri formali non contano più nulla. E quelli informali sono impegnati ad arraffare ciò che vale tra Sahara e Sahel: dai traffici illegali di armi, persone e droga, all’accesso alle risorse minerarie"..”  Tripoli, novembre 2009 (foto Mila C.G.)

    Sarà possibile una soluzione politica? L’obiettivo è la spartizione del paese tra le potenze interventiste e i loro referenti locali? E’ il momento di agire con la forza?  “Magari con l’avallo dell’Onu. - conclude Nigrizia- al di là dei vari schieramenti in campo (il governo di Tobruk e quello di Tripoli; laico il primo, islamista vicino ai Fratelli musulmani il secondo) e delle decine se non centinaia di bande armate che controllano più o meno grandi fette di territorio”.

    Per informazioni: Fondazione Nigrizia Onlus: 045.8092390 - Centro Missionario Diocesano: 045.8033519  - Missionari Comboniani -  37129 - Verona -Tel. 045.8092290 -www.fondazionenigrizia.it   www.nigrizia.it   www.museoafricano.org

     

     

     

     

  • Scoperti utensili paleolitici in India

    I risultati dei lavori di un'équipe britannica (pubblicati sul quotidiano online The Independent) sembrano aggiungere nuove ipotesi alle teorie sull'evoluzione umana.

    Nel sito archeologico di Attirampakkam, nel sud-est dell'India (60 km da Chennai, Tamil Nadu) sono stati scoperti strumenti antichi di almeno 385.000 anni, epoca che coincide con il periodo in cui questa tecnologia sarebbe stata utilizzata per la prima volta dall'uomo moderno in Africa. Finora si pensava invece che L'India avesse conosciuto questa tecnica tra 140.000 e 46.000 anni anni fa, con la migrazione dall'Africa dell'uomo moderno. Questa scoperta anticiperebbe questa migrazione dall'Africa verso l'Asia ad almeno 400.000 anni fa; sarebbe quindi più antica di quanto si pensava? Oppure gli ominidi indiani di quell'epoca hanno sviluppato una propria cultura del Paleolitico Medio? E ancora: si tratta di uomini moderni o di Neandertaliani o di altre specie arcaiche?

      Rimangono quindi molti interrogativi, soprattutto  per la mancanza di resti umani associati alle scoperte. Anche perché in passato si era parlato di utensili di un milione e mezzo di anni! 

  • Etiopia 2020: acqua e fuoco ( 1 )

    ETIOPIA (ed ASMARA) - Guerra contro il Tigray

    In questo anno 2020, segnato dalla pandemia per il Covid-19, si parla poco dell’ Etiopia. Eppure sono due i grandi fatti di attualità: la grande diga sul Nilo Azzurro e il conflitto nel nord del paese. Poi un più recente triste fatto di cronaca: il 12 gennaio 2021 il feretro di Agitu Gudeta è arrivato ad Addis Abeba, dove sarà sepolto per volere della famiglia, e riceverà i funerali di Stato. Una scritta accompagna l'immagine dell'imprenditrice massacrata in Trentino: "La tenacia instancabile". La donna, che aveva fondato l'azienda biologica "La capra felice", è stata uccisa da un suo collaboratore ghanese, sembra per uno stipendio non corrisposto.

      LaregionedelTigray  (fotoMGC§ )               

    Agidu aveva lasciato l'Etiopia dopo aver ricevuto minacce da parte del governo per la sua attività di contrasto al land grabbing, l’accaparramento dei terreni a favore delle multinazionali, un problema che affligge molti Paesi africani. Dopo gli studi all'università di Trento si era stabilita a Frassilongo nel 2010 e aveva fondato il suo allevamento di capre autoctone con produzione di formaggi nei terreni recuperati dall’abbandono nelle montagne trentine.      

    L'Etiopia - Circondata da: Sud Sudan a ovest, Eritrea a nord, Corno d’Africa con Somalia e Gibuti a est, Kenya a sud, L’Etiopia non ha sbocchi sul mare e si può grossolanamente dividere in tre grandi tre grandi regioni morfologiche: l’Acrocoro Etiopico propriamente detto, la Dancalia e l’Altopiano Galla-Somalo. Secondo paese africano per popolazione, i circa 103 milioni di abitanti sono divisi in  oltre ottanta etnie, diverse per lingua, storia, habitat e cultura. I gruppi etnici maggioritari sono Oromo, Afar, Galla, Amhara, Somali, Sidamo, Gurage, Weilata, Tigrini *(6% della popolazione etiopica). E’ la regione di questi ultimi,  il Tigray (nel nord, al confine con Eritrea e Sudan) ad essere teatro di un micidiale conflitto dal 4 novembre 2020. Amministrativamente l’Etiopia è uno stato federale suddiviso in dieci stati regionali semi-autonomi e due città autonome, Addis Abeba e Dire Daua.

                                                                               La regione del Tigray (Foto MCG §)

    Per capire bisogna ora fare un passo indietro. ll Tigray è una regione montagnosa con circa cinque milioni di abitanti (in prevalenza agricoltori e allevatori) di cui circa 500.000 popolano la capitale Makallé. Tigrino è Meles Zenawi, che è stato presidente di transizione dal 1991 al 1995 dell’Etiopia alla caduta del governo del Derg,** per poi diventare primo ministro. Sotto la sua presidenza venne istituito nel Paese, con la Costituzione del 1994, un federalismo su base etnica. Il progetto della grande diga sul Nilo Azzurro (auspicato da Hailé Selassié) era già stato approvato una decina di anni fa appunto con Meles Zenawi, leader del Fronte di Liberazione del Popolo del Tigré (TPLF) e poi del Fronte Ethiopian People’s Revolutionary Democratic (EPRDF). Il partito di Zenawi (che morì a Bruxelles nel 2012 a soli 57 anni) dirige tuttora la regione del Tigray, ma è importante notare che ha controllato per circa trent’anni l’apparato politico e di sicurezza in Etiopia (rimanendo acerrimo nemico dell’Eritrea, con cui invece il governo attuale di Addis Abeba ha fatto recentemente pace). Invece il giovane primo ministro attuale Abiy Ahmed Alì (42 anni, di etnia Oromo) eletto nel 2018, ha messo fine a due decenni di guerra con Asmara, ed è stato capace di far coalizzare le componenti politiche dei due gruppi etnici più numerosi (Oromo e Amhara) in Etiopia, forse isolando i Tigrini.  

      

    In giugno 2020 erano già iniziati apertamente gli attriti con il governo centrale, quando il Parlamento  federale aveva rinviato le elezioni causa Coronavirus, estendendo di un altro anno il mandato al primo ministro. Così il governo del Tigray aveva indetto le sue elezioni parlamentari, vinte ovviamente dal TPLF.

    In risposta Abiy Ahmed (premio Nobel per la Pace 2019***)  accusa il TPLF di aver attaccato le truppe federali in una base settentrionale, e minaccia un’operazione militare contro la regione dissidente per sostituire le autorità tigrine con “istituzioni legittime". Alle parole: "siete sul punto di non ritorno, arrendetevi pacificamente: il vostro viaggio di distruzione è arrivato alla fine", il leader tigrino Debretsion Gebremichael risponde "siamo persone di principio, non arretreremo di un millimetro". Di qui il taglio dei collegamenti con il Tigray, che respinge l'ultimatum del premier (tempo 72 ore per arrendersi) e l'inizio delle ostilità. L'esercito federale quindi invade il Tigray accerchiandone la capitale. In risposta i Tigrini attaccano con missili e artiglieria obiettivi dell'esercito regolare, distruggono gli aeroporti nelle vicinanze, facendo arrivare missili persino sulla capitale eritrea, Asmara, da dove partivano i raid aerei etiopi. Doveva essere un'operazione lampo, ma il conflitto ha ormai provocato centinaia di morti e numerose migliaia di rifugiati nel vicino Sudan, allontanando la "fase finale" auspicata dal primo ministro.  Il numero dei profughi è andato diminuendo con il passare dei mesi (da 7.000 a meno di 500 al giorno), anche per un incremento della sorveglianza sulla linea di frontiera sudanese, ma un terzo è costituito da bambini e minori di 17 anni. A fine novembre il primo ministro avrebbe dichiarato la vittoria del governo, ma 6 milioni di persone sarebbero ancora bloccate nel Tigray. Nell'est del Sudan nell'ultimo mese sono stati trasferiti più di 20.000 Tigrini, dalle zone frontaliere, verso il campo di Um Rakuba, a circa 75 km dalla città di Gedaref, e si parla di costruire un nuovo campo per i rifugiati verso l'interno. Misteri e silenzi: è certo il pericolo di tumulti violenti e incertezze, rivalità etniche, genocidio.

       Tigrini (Foto MCG§)

    La Commissione Etiope per i Diritti Umani ha comunicato che questo 12 gennaio sono stati uccisi oltre 80 civili, bambini compresi, in un attacco nella regione di Benishangul-Gumuz, al confine con il Sudan. L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (HCDH) ha chiesto ad AddisAbeba di poter accedere all'intera regione del Tigray e di proteggere i civili. Intanto è stato chiuso lo spazio aereo sudanese ai confini l'Etiopia per i voli civili. Un convoglio di aiuti internazionali e sette camion della Croce Rossa sono recentemente arrivati a Makallé con medicinali e materiale medico... le notizie, come gli aiuti, sono insufficienti. Lo riporta Esat Tv, canale satellitare dell'opposizione citato dalla Bbc, specificando che numerosi attacchi sono stati lanciati nelle giornate di lunedì e martedì (12 e 13 gennaio). Il rapporto cita ancora "fonti attendibili" che confermano l'uccisione di 130 civili da parte di uomini armati in vari distretti nella zona di Metekel lunedì. "I banditi armati prendevano di mira solo le case dei cittadini di etnia Amhara e Agew, e ne hanno uccisi molti, comprese donne e bambini; gli abitanti dell'area raccoglievano i corpi", hanno detto all'Esat Tv. Durante l'attacco al distretto di Dibate, afferma la stessa fonte locale , "il numero dei morti potrebbe ancora aumentare".

      Nel Cimitero Italiano di Adigrat sono sepolti circa 765 italiani, soldati e civili. (Foto MCG§).  Sono qui riuniti i caduti provenienti dai cimiteri di Adigrat - Acab Saat - Dembenguirà - Abi Abuna - Amba Alagi - Axum - Ugurò - Selaclalà - Enticciò - Biet Mora.

    A  circa 1.000 km a nord di Addis Abeba, nella Regione del Tigray, si trova Adigrat, ultima importante città prima del confine con l’Eritrea. Circondata dalle alte Ambe, Adigrat si trova in una fertile conca, sulla principale rotta commerciale e strategica verso il Mar Rosso. Punto strategico di base e di rifornimenti nella campagna italo-etiopica del 1895-96 (con la conquista dell'Eritrea), e successivamente nella guerra per iniziare conquista dell'Etiopia (1935-36), sulla linea Adua-Adigrat verso sud.

    *I Tigrini , come gli altri popoli degli altipiani, sono un popolo forte. Questo gruppo etnolinguistico vive in gran parte negli altopiani eritrei e nella regione settenrionale del Tigray in Etiopia. Parlano la lingua Tigrinya, che appartiene alla famiglia afroasiatica. La loro religione è il cristianesimo ortodosso, in particolare sono seguaci della chiesa ortodossa etiopica di Tewahedo. Le loro coltivazioni sono in prevalenza il  cereale teff, granoturco, orzo, piselli, lenticchie, cipolle e patate. Come pastori prediligono pecore e capre da cui ricavano pelli e lane per oggetti, coperte e indumenti. Le tipiche case tigrine sono di pietra a pianta quadrata, altre sono tonde col tetto piatto fatto di terra; il focolare è ricavato da una buca nel pavimento, mentre il fumo infilandosi in una brocca rotta come comignolo esce dal tetto. Ma, dato che la legna da ardere è scarsa, i contadini, invece di concimare il terreno, utilizzano il letame per fare il fuoco in cucina. Sui ripidi pendii utilizzano un sistema di irrigazione a terrazzamento. Anticamente c'erano numerose grandi comunità urbane nella regione del Tigray, che fiorirono e crearono molta arte cristiana durante il Medioevo.

    ** Il Derg ("comitato" in lingua amharica) o Governo Militare provvisorio dell'Etiopia Socialista, governò con una feroce dittatura l'Etiopia e l'attuale Eritrea dal 1974 al 1987, ma ne mantenne il controllo fino al 1991. Il suo presidente dal 1977 era Menghistu Hailé Mariam, detto il Negus rosso. Questo Comitato di coordinamento di forze armate, polizia e forze territoriali, aveva detronizzato Selassié nel 1977 e avviato una rivoluzione progressivamente marxista (dopo una lotta tra moderati e radicali) con Menghistu. Hailé Selassié è stato dunque l'ultimo imperatore d' Etiopia dal 1930 al 1974 (a parte l'esilio in Inghilterra durante l'occupazione italiana); imprigionato nel palazzo imperiale, venne assassinato per ordine dello stesso Menghistu. Dopo la guerra, l'Eritrea era stata federata inizialmente all'Impero d'Etiopia dalle Nazioni Unite, mantenendo la propria autonomia. Ma il governo di Addid Abeba smantellò lo stato federale nel 1960, per annettere semplicemente l'Eritrea nel 1962. Soltanto nel 1991 il Fronte di Liberazione del Popolo Eritreo scacciò l'esercito etiope fuori dei confini eritrei, e supportò il TPLF (Fronte Popolare di Liberazione del Tigrè), movimento etiope di resistenza, per rovesciare la dittatura di Menghistu, che cadde nello stesso anno. Ma nel 1998 l'Etiopia, per un problema di confini, aveva iniziato una guerra con l'Eritrea (da cui si era separata consensualmente nel 1993, con l'indipendenza dell'Eritrea dopo una guerra durata trent'anni). Sia dopo il Negus Rosso che dopo la morte di Zenawi il paese si trovò in condizioni durissime anche per siccità, povertà, tumulti, proteste, repressioni, brogli elettorali, la guerra con l'Eritrea ... Il suo vice Haile Mariam Desalegn si dimette inizio 2018, lasciando il paese vicino ad una guerra civile. Le elezioni portano al governo Abiy Ahmed Alì di etnia Oromo, che fa pace con l'Eritrea chiamandola "amica".

     *** "La guerre est l’incarnation de l’enfer pour tous ceux qui y participent. Je suis passé par là et j’en suis revenu." Le 10 décembre 2019, à Oslo, Abiy Ahmed entame son discours de lauréat du prix Nobel de la Paix par le récit – poignant – de son expérience d’opérateur radio sur le front de Badme, pendant la guerre entre l’Éthiopie et l’Érythrée, en 1998. « Il y a ceux qui n’ont jamais vu la guerre, mais qui la glorifient. Ils n’ont pas vu la peur, la fatigue et la destruction, poursuit-il devant l’auditoire. Ils n’ont pas non plus ressenti le triste vide de la guerre après le carnage".

     § Mila Crespi Gaudio

     

  • UN MISURATORE SOLARE PREISTORICO

    L’archeologa  Mercedes Versaci (Gruppo PAID HUM-812 del dipartimento di Preistoria dell’ Università di Cadice) ha scoperto – in  una grotta della Sierra della Plata, punta meridionale della penisola iberica vicino a Gibilterra - una pittura rupestre che funge da indicatore solare. Una scoperta finora unica in Spagna. Stava preparando una tesi (dal titolo “El sol, símbolo de continuidad y permanencia: un estudio multidiscilpinar sobre la figura soliforme en el arte esquemático de la provincia de Cádiz”) nella zona intorno alla laguna de La Janda, (oggi a secco) nel comune di Tarifa, dove sono stati registrati circa trecento rifugi preistorici con pitture rupestri. In ventidue di essi  appare una figura a forma di sole.

    Ma nella Cueva del Sol (una piccolissima grotta di difficile accesso ma molto visibile) la studiosa ha scoperto un disco di 24 centimetri, geometricamente perfetto, con dodici raggi orientati verso il calar del sole. E l’unico raggio  dipinto coincide con  l’ultimo filo di luce del crepuscolo del solstizio d’ inverno. Quindi una specie di calendario agricolo per sapere quando le giornate avrebbero iniziato ad allungarsi e seminare, quando le piante sarebbero cresciute insieme al sorgere del sole più presto ogni giorno, quando ci sarebbe stato il raccolto, quando la terra avrebbe avuto un periodo di riposo. E questo ciclo si sarebbe compiuto al successivo solstizio d’inverno per ricominciare. Quindi una concezione del tempo circolare e una pittura rupestre risalente molto probabilmente alla preistoria recente, quando l’uomo già praticava l’agricoltura. Infatti le piante sono rappresentate in altre grotte con figure ramiformi e associate a idoli per rituali magici.