Galleria Bartolomucci, African Art Gallery-Milano (foto M.C.G.)

Un' originale mostra sull'arte africana sarà inaugurata il 30 marzo presso FM Centro per l’Arte Contemporanea, via Piranesi 10, Milano, e sarà aperta dal 31.03.2017 al 03.06.2017.

Il titolo  “Il Cacciatore Bianco/The White Hunter. Memorie e rappresentazioni africane. African memories and representations” vuole indicare che non si tratta semplicemente di

una mostra sull'arte africana, ma sulla costruzione che l'Occidente ne ha fatto.

Come scrive Marco Scotini, curatore della mostra e direttore artistico di FM Centro per l'Arte Contemporanea, "La ricognizione parte da una critica radicale del nostro sguardo sull'Africa. Siamo sicuri che quello che ha visto il cacciatore bianco, all'inizio del secolo scorso, non continui ad essere ancora l'oggetto del nostro sguardo sull'Africa? ..."

Il percorso è articolato in cinque sezioni, con oltre 150 opere e 30 artisti contemporanei e altrettanti anonimi artisti tradizionali.  All’iniziativa è associato un programma di eventi,

incontri e conferenze.

L'AFRICA e GAUDIO

Dopo una lunga pausa ritorna in rete, riorganizzato, il sito dell'associazione Argo intitolata ad Attilio Gaudio. Affinchè non muoia anche il suo ricordo e il suo lavoro, e rimanga la memoria dei suoi ideali e delle sue speranze ... per il poco che possono fare le parole, soprattutto in questo momento di avvenimenti terribili.

Ma c'è chi agisce; il primo viaggio di papa Francesco in Africa (Kenya, Uganda e Centrafrica) è un monito ai politici ad "operare con integrità e trasparenza per il bene comune", senza dimenticare che "vi è un chiaro legame tra la protezione della natura e l’edificazione di un ordine sociale giusto ed equo. Non vi può essere un rinnovamento del nostro rapporto con la natura senza un rinnovamento dell’umanità stessa». Un altro incoraggiamento viene dalle parole che padre Alex Zanotelli, missionario comboniano, mi scrisse qualche anno fa: Attilio veniva spesso a Nigrizia a trovarci, a parlare... un uomo appassionato dell'Africa. Più che un collaboratore, è stato un amico. Nella certezza che Attilio è con noi e ci sprona a lavorare come lui ha lavorato ... perchè nasca quell'uomo planetario che anche Attilio sognava. Purtroppo quello che Gaudio scriveva anni fa è ancora attuale. Ecco le sue parole negli appunti per una conferenza del 2002.

"Ma parliamo un po' dell'Africa che ci sta di fronte. Sono più di quarant'anni che l'Africa cerca la sua via, invano. E' in un vicolo cieco. La violenza della storia ha fatto dei vincitori e dei vinti, e i rapporti tra nazioni ricche e nazioni povere rimangono dei rapporti di dominio che si perpetuano attraverso delle parole chiave, che sono delle parole d'ordine. Spogliata ed emarginata, l'Africa è invitata dai padroni del mondo a considerarsi povera, a comportarsi in regione povera. Fino a quarant'anni fa poteva considerarsi autosufficiente, anche con un'economia di sussistenza e organizzazioni tradizionali. Ora gli stati africani, indebitatissimi e sollecitati da una forte domanda sociale ed economica, si trovano costretti ad adottare rimedi il cui costo umano globale è esorbitante.

Un solo esempio: la mondializzazione, una dinamica finanziaria, economica, politica, tecnica e culturale globale che però concentra ricchezze e poteri tra le mani di una minoranza di privilegiati non eletti (o rieletti troppe volte). E gli aiuti allo sviluppo sono accompagnati da un'ingerenza macroeconomica e politica e dalla difesa degli interessi delle potenze donatrici. Ma l'Africa può risollevarsi. Più che di capitali, tecnologie e investimenti esteri, ha bisogno di ritrovare quella parte di sè stessa che le è stata tolta: il suo passato e la sua umanità. Poichè, contrariamente all'uomo economico neoliberale e transnazionale, l'umano (che anche gli africani rivendicano) può, con la una globalizzazione etica, mettere il pianeta al riparo da saccheggi, miseria, ingiustizia, terrorismo".

Così concludeva Gaudio: speranza o illusione? oggi non abbiamo una risposta politica, ma le parole del Papa: violenza, conflitto e terrorismo si alimentano con paura e disperazione, che nascono da povertà e frustrazione. Mila C.G.

1993/11/15, Gaudio presenta il sui libro sulle popolazioni del Sahara occidentale (Khartala, Parigi 1993) - Gaudio in conferenza a Brescia, 2002 - Appassionata autobiografia di Gaudio, che ripercorre i momenti più significativi della sua vita privata e professionale (L'Harmattan Italia - Torino 1998)

   Il festival del cinema africano, d’Asia e America Latina (FCAAAL) inaugura la sua ventiseiesima edizione presso la sede della Triennale di Milano (sala del Teatro dell’Arte), nell’ambito della XXI Esposizione Internazionale di Milano. Dal 4 al 10 aprile saranno proiettate varie opere in altre sale cinematografiche: Auditorium San Fedele, Spazio Oberdan, Cinema Palestrina, Institut Français di Milano,Teatro dell’Arte della Triennale, Festival Center, Casello Ovest di Porta Venezia, Casa del pane.  Il FCAAAL è il primo e, per ora, unico festival italiano interamente rivolto alle cinematografie e alle culture dei tre continenti. All’Opening night del Festival, il 4 aprile, sarà proiettato in anteprima italiana l’ultimo film di Takeshi Kitano, Ryuzo and the Seven Henchmen (Ryuzo e i sette compari), una commedia con protagonisti sette anziani (ex yakuza, tradizionale organizzazione criminale giapponese suddivisa in vari gruppi) che decidono di rimettere insieme la “famiglia”. 

La programmazione (http://www.festivalcinemaafricano.org/new/il-festival-4/) darà rilievo a film “evento” mantenendo uno schema che vedrà fiction e documentari in un’unica sezione competitiva: il “Concorso Lungometraggi Finestre sul Mondo”. La Sezione Eventi Speciali “Flash” raccoglierà le importanti anteprime del Festival fuori-concorso. Inoltre la mostra fotografica Designing Africa 3.0 offrirà un’ampia selezione di fotografie dalla VI edizione del LagosPhoto Festival, il primo festival internazionale dedicato alle arti visuali e alla fotografia contemporanea in Nigeria. La mostra, curata dal direttore e fondatore di LagosPhoto Azu Nwagbogu e co-curata da Martina Olivetti dell’African Artists’ Foundation, sarà ospitata al Festival Center nel casello ovest di Porta Venezia. L’obiettivo?  Rappresentare l’Africa non più come scenario di guerre, fame e malattie, ma luogo di creazione artistica, innovazione e possibilità, e di comunicazione tra design contemporaneo e la sua più ancestrale tradizione.

 

 

 

Il Centro di Cultura Italia-Asia "G. Scalise" (Sede Legale: 20133 Milano - Via G. Aselli, 29, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., www.italia-asia.it) ha organizzato un ciclo di conferenze, in collaborazione con il Museo d'Arte e Scienza (tel. 02/72.02.24.88 – mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), su "LO SPIRITO DELLA MASCHERA, testimonianze dall'Asia e dall'Africa.

 

Leggi tutto...

News

  • L'Africa che scompare: i Pigmei Babinga

       (foto L.Rosa) 

    "Addio BaBinga, piccoli uomini della foresta": così s'intitola il nuovo lavoro di Lucio Rosa con la moglie Anna.

    Regista, documentarista, giornalista, fotografo, Rosa ha raccolto e commentato le sue storiche foto-documento in bianco e nero scattate trent'anni fa nella Repubblica Popolare del Congo, Africa Equatoriale.  Foto che saranno oggetto di una mostra  programmata per fine estate a Bolzano. Inaugurazione il 9 o 10 settembre 2019 in via Orazio, Espace La Stanza, dove l'anno scorso (febbraio 2018) si era tenuta un' altra mostra fotografica dal titolo "Antiche architetture berbere. Lybia by Lucio Rosa".  Anche qui foto sempre (o quasi) in bianco e nero, che per Lucio "è il colore base della fotografia. Soprattutto certe foto, devono essere fatte di luci e ombre, più che di colori".

    In Libia questo artista della luce ha "catturato architetture incredibili, soprattutto a Ghadames", dove ha girato anche un film dal titolo "Con il fango e con la luce". In Congo invece è l'elemento umano che fa da protagonista, anche perché queste foto sono un addio: "addio in un quanto, pur esistendo ancora i BaBinga, ed essere ancora "piccoletti", dice il regista, la loro cultura, le loro tradizioni, sono ormai "perdute" per sempre. I BaBinga, come anche altri Pigmei, sono usciti dalla foresta per vivere accanto e con i Bantu, in un rapporto che li vede sicuramente perdenti. Con le fotografie ho documentato le ultime testimonianze di questo fragile microcosmo, di cui ho voluto cogliere la sua anima originaria."

    Nella foto in alto (gentilmente concessa dall'Autore come quella in basso), vediamo tre generazioni: il bambino, l'adolescente e l'adulto nel loro habitat tradizionale. Ma per quanto tempo? Superstiti testimoni di epoche antichissime, i pigmei Babinga continuano ad essere studiati soprattutto per definire gli elementi originari e genetici della loro civiltà, che probabilmente ha costituito il substrato africano preistorico nella vasta area del Sahara centrale, dagli altopiani orientali all'Atlantico. Furono poi respinti nelle aree forestali più impervie dall'espansione del gruppo negroide, parzialmente fondendosi con questo nelle aree marginali.

    Questi piccoli uomini sono dunque la testimonianza di quella che fu probabilmente la vita dei cacciatori-raccoglitori della preistoria. La buia e impraticabile foresta equatoriale ha contribuito a proteggere le loro caratteristiche. Oltre ai TYwa e Tswa, sostanzialmente pigmoidi anche se meticciati con elementi negroidi, si distinguono due raggruppamenti, considerati i più "puri": i Mbuti o Bambuti, suddivisi in alcune famiglie che nomadizzano nel bacino dell'Ituri, e i BaBinga o Binga, con  numerose tribù, praticamente sedentari nel bacino del basso Oubangui fino alla sua confluenza con il Congo.

    I Pigmei non vanno considerati semplicemente dei Neri in miniatura. Le loro caratteristiche somatiche e genetiche li collocano in un gruppo peculiare, con una propria differenziazione e una conformazione che per le proporzioni ricorda abbastanza da vicino quella di un bambino nella prima infanzia (fenomeno di isolamento o neotenia?): statura molto piccola (media oscillante da 1,37 m a 1,45 m); cranio tendenzialmente brachimorfo; pelle di colore giallo-rossiccio più o meno scuro, ma non nero; occhi castani; capelli corti e crespi; barba ben sviluppata; labbra pronunciate; naso decisamente platirrino; tronco relativamente lungo rispetto agli arti inferiori che appaiono brevi; arti superiori piuttosto lunghi, frequenza di un fattore glubulinico specifico e di gruppi sanguigni A e B più alta rispetto a quella del gruppo negroide, minore pelosità, presenza di un fattore glubulinico specifico, infine bassa incidenza di anemia falciforme.